Varietà Santa Maria

Origine e storia: ottenuta nel 1951 per incrocio naturale di Williams e Coscia, la coltivazione di questa varietà si è diffusa soprattutto in Emilia Romagna dove ha trovato un ambiente ideale.

Forma e dimensione dei frutti: i frutti sono piriformi o piriformi troncati e di pezzatura medio-grossa.

Colorazione dell’epidermide, livello di maturazione, caratteristiche della polpa e sapore: il colore di fondo dell’epidermide vira dal verde al giallo in relazione allo stato di maturazione più o meno avanzato. La superficie dei frutti è caratterizzata dalla presenza di piccole lenticelle di colore verde chiaro. Occasionalmente i frutti esposti al sole possono presentare una sovra colorazione rosso-rosata dell’epidermide. La polpa – bianchissima e succosa – è soda e molto resistente alla manipolazione ed all’avvizzimento ed a piena maturazione dei frutti diventa fondente. Il sapore è fresco e gradevole.

Segni Particolari

È “la pera più generosa di tutte”. Gli alberi di Santa Maria sono forti e rigogliosi ed in genere garantiscono ogni anno una buona produzione di frutti perfettamente nutriti dal buon apparato radicale e pertanto sodi, croccanti e ricchi di elementi nutritivi.

Epoca di Raccolta
Tra fine luglio ed inizio agosto.
Disponibilità
Dalla 2a metà di agosto a gennaio.
Scopri le ricette con la Santa Maria
Tartare di manzo alle pere e tartufo
×