Gelato alla pera: bontà gustosa per grandi e piccoli

Gelato alla pera: bontà gustosa per grandi e piccoli

Gelato alla pera: tanto gusto, poche calorie

Segni particolari: rinfrescante, nutriente, equilibrato. Il gelato alla pera non è solo buono, ma anche un vero alleato della salute di grandi e piccoli. D’estate come d’inverno. Ti sembra strano? È la scienza a confermarlo: rispetto ad altri dessert, il gelato contiene meno calorie. Aggiungiamo, poi, i benefici di un frutto come la pera ricco di fibre e antiossidanti. Insomma, questo matrimonio s’ha da fare! A patto di non eccedere con le quantità. Mangiare un gelato a merenda o a fine pasto, magari fatto in casa, è un modo stuzzicante e diverso di integrare il consumo di frutta raccomandato dagli esperti.

Leggi anche: Quanta frutta mangiare al giorno: la regola d’oro delle “5 porzioni

Le proprietà del gelato

Introdurre il gelato nella dieta non è… un peccato di gola! Il gelato è, infatti, una fonte di energia e preziosi nutrienti, il cui apporto varia a seconda del gusto scelto.

  • I gelati con frutta fresca contengono tipicamente più vitamine (A, C, E, K) e sali minerali (magnesio, potassio, calcio, zinco, selenio). Sono ricchi anche di acqua e fruttosio, lo zucchero naturalmente presente nella frutta. Grazie alla loro composizione, sono più idratanti.
  • I gelati alle creme e quelli a base di frutta secca sono, invece, ricchi di proteine, vitamine, minerali, lipidi, carboidrati e zuccheri (lattosio e saccarosio).

In questo contesto, il gelato alla pera si ritaglia un posto di primo piano nella vaschetta. Ciò in virtù delle proprietà benefiche del frutto che ne è alla base, la pera, prezioso scrigno di fibre e antiossidanti. Le prime contribuiscono a ridurre l’assorbimento di zuccheri e grassi, i secondi aiutano a prevenire l’invecchiamento cellulare.

Leggi anche: Benefici della pera: proprietà nutrizionali sorprendenti di un frutto da (ri)scoprire

Bambina sorridente con gelato in mano

Quanto gelato si può mangiare?

Consumare il gelato a merenda o come dessert è una buona abitudine, a qualsiasi età. L’importante è non cedere alla tentazione di sostituirlo a un pasto completo, se non in via eccezionale. Si corre il rischio, infatti, di introdurre troppi grassi e zuccheri.

  • La porzione ideale per un adulto è di 100 g, corrispondente a due palline, 1 o 2 volte la settimana.
  • Per i bambini nei primi anni di vita bastano 40 g. Dose che può essere aumentata con la crescita fino ad arrivare, nell’adolescenza, a 125 g. Meglio, però, non superare la media di 3 gelati a settimana, sempre nell’ambito di una dieta bilanciata.

Quanto a valore energetico, 100 g di gelato alla pera contengono circa 130 Kcal. Meno della fragola (160 Kcal), della crema (170 Kcal) e del cioccolato (200 Kcal). In più c’è il vantaggio di poter godere di tutte le virtù della pera.

Leggi anche: Frutta per neonato: nello svezzamento dai 4 mesi

Vassoio contenente gelato alla pera

Il gelato alla pera è amico della salute

Il gelato alle pere sa davvero sorprendere il palato. E lo si può mangiare anche in caso di diabete, obesità o intolleranze alimentari. Purché con moderazione e previo il via libera da parte del proprio medico o dello specialista di fiducia.

Come abbiamo anticipato, il gelato è, tra i dessert, uno di quelli con meno calorie. Ciò potrebbe già di per sé bastare. Ma, se ci aggiungiamo le proprietà nutrizionali della pera, puoi capire meglio perché integrare il gelato è un’opzione alimentare interessante. La pera ha, infatti, per sua natura un basso indice glicemico. E l’elevata concentrazione di fibre e flavonoidi permette di tenere sotto controllo i livelli di glicemia. Allo stesso modo, il gelato alla pera può essere mangiato anche dalle persone con problemi di peso che seguono diete ipocaloriche.

Anche chi è intollerante al lattosio può mangiare il gelato. Alcuni gusti, per esempio quelli alla frutta, non necessitano infatti di latte o derivati per essere realizzati. La frutta, dal canto suo, non contiene lattosio. Si può, dunque, concedersi un cono o una coppetta senza rischi. È comunque sempre raccomandabile chiedere gli ingredienti in gelateria.

Leggi anche: Pere e diabete: un aiuto naturale per abbassare la glicemia

Il gelato di pera fatto in casa… tutto l’anno

Gelato alle pere fatto in casa

Sai che un buon gelato alla pera si può preparare anche a casa senza l’aiuto della gelatiera? È sufficiente il frullatore o un mixer per creare un dessert sano e gustoso.

Basta bollire acqua e zucchero, aggiungere le pere ben lavate e frullate, amalgamare bene il tutto e mettere in freezer per almeno un’ora. Una volta ottenuta la cremosità desiderata, il gelato è pronto per essere servito.

Per bilanciare l’apporto di nutrienti, è possibile abbinare un gusto più cremoso. Ne è un esempio (molto amato) il gelato pere e cioccolato. Uno di quegli abbinamenti che mette subito di buon umore. Sì, perché il gelato, come dimostrato da vari studi, stimola l’ormone della felicità: la serotonina.

Un motivo in più per gustarlo. Anche quando fa freddo. Il gelato, infatti, è sempre più destagionalizzato. Soprattutto il gelato alla pera, visto che il frutto, nelle sue diverse varietà, è disponibile praticamente tutto l’anno.